top of page

  Educativa Domiciliare- Progettazione e Gestione

                       

Progetto senza titolo (14).png

Nella mia ormai decennale esperienza ho avuto tantissimi lavori, tra i tanti mi sono anche fatto le ossa come educatore domiciliare a tal punto che negli anni ho sperimentato un sentimento molto diffuso tra tutte le colleghe ed i colleghi: LA SOLITUDINE.

Nel concreto passavo le giornate a chiedermi:

 

1. Che senso ha il mio ruolo in questa famiglia?

 

2. Tutte le mie indicazioni non vengono ascoltate.

 

3. Non ho una figura esperta con cui confrontarmi sul mio lavoro.

Un senso di smarrimento costante, protratto per anni e mai risolto.

La certezza di essere gli unici responsabili di interventi educativi:

-Mal progettati

- Non condivisi con gli interessati

- Spinti dall'esigenza di erogare fondi pubblici

Passare giornate ad eseguire azioni routinarie legate ad elementi assistenziali, occupazionali o peggio ancora di CONTROLLO.

Vivere un senso di inquietudine sentendosi impostori o peggio cattivi professionisti non era sicuramente un mio obiettivo professionale e di vita.

Mi sono quindi chiesto cosa servirebbe per progettare e gestire migliori interventi educativi domiciliari e le risposte che mi sono dato sono tante:

  • Definire lo spazio di lavoro con le famiglie dei beneficiari.

  • Definire lo spazio di lavoro con i beneficiari stessi.

  • Curare e analizzare aspettative di servizi invianti, familiari e destinatari.

  • Co-costruire gli interventi valorizzando una partecipazione condivisa, democratica e motivata al piano educativo.

  • Crearsi spazi riflessivi e metodologici fuori dalle urgenze e dai bisogni non espressi da nessun attore in campo.

Presentarsi ai vari protagonisti del piano educativo con idee chiare e forti di una metodologia non garantisce sempre una relazione di collaborazione proficua, evitare però di vivacchiare tra un compito non affine alla nostra mansione aiuta a mettere ordine e paletti professionali ben definiti.

Chi siamo, cosa facciamo e perché lo facciamo.

C       

 






 

       Perché dovresti iscriverti al corso?

             

     
          

 

       Avrai maggior chiarezza sul come impostare l'intervento.

      Maggior ordine nel dividere le aree di lavoro.


        Più consapevolezza sui punti di forza/debolezza.

     Saprai progettare interventi che facilitino autonomia e motivazione.

      Sarai in grado di lavorare su progetti a termine stimolanti

 

 

 

 

 

 





                    Domande frequenti




  

     Come ci si iscrive?

 Scrivendo qui la tua richiesta: Sarai ricontatt* nel giro di poche ore.

     Quanto mi costa il corso?

89,00 euro, compreso attestato di fine corso.


    Come posso pagare?

Tramite bonifico bancario, con fattura finale.


    Quanto dura il corso?

Il corso dura circa 4 ore.

     Dove si svolge il corso?

Su piattaforma online (Skype; Meet).

    Il corso è in diretta o registrato?

Il corso è in diretta e potrai interagire con me.

Se sei nteressat* a saperne di più clicca sul pdf qui in basso a destra, troverai la brochure del corso.

Grazie!

Antonio.


 

bottom of page