top of page

Perché scegliere una consulenza pedagogica per tuo figlio?

Mission e descrizione


Al giorno d'oggi educare i figli sta diventando un compito sempre più difficile. 

La complessità della società ed il ruolo predominante di internet hanno modificato molte certezze in campo educativo e sociale stimolando insicurezze e paure. 

Il mio ruolo è quello di rendere più semplice questa complessità tramite un sostegno pratico a tutti quei genitori desiderosi di ampliare le proprie conoscenze e competenze utili a migliorare il rapporto coi propri figli.






Cos'è la consulenza pedagogica?


La comparsa di alcuni comportamenti “nuovi” e inaspettati nei figli può generare un senso di ansia ed impotenza nei genitori e spingerli ad attribuire con troppa facilità delle difficoltà psicologiche ai propri figli.


La scelta di far intraprendere al proprio figlio un percorso psicologico va pensata con attenzione; Se da una parte questo tipo di percorso può dare grandi benefici in presenza di una difficoltà psicologica cronica (ad esempio il disturbo d'ansia) dall'altra può generare una forte rabbia e sfiducia da parte di un figlio psicologicamente “sano”.


Spesso infatti la manifestazione di alcuni comportamenti è il segnale di un disagio di altro tipo valutabile in modo diverso: una difficoltà scolastica o l'abitudine a mentire potrebbero essere delle problematiche gestibili tramite la progettazione di uno specifico intervento educativo.




Per una scelta più consapevole vediamo ora quali sono le differenze tra la psicoterapia e la consulenza pedagogica:


La figura di riferimento


Il pedagogista è il massimo esperto dei processi educativi, formativi e di apprendimento, è un laureato in scienze pedagogiche (solitamente nelle classi L.M. 50 o L.M. 85) ed è l'unica figura autorizzata a svolgere questo tipo d'intervento specialistico. Esiste anche una formazione specifica post-lauream in consulenza pedagogica.






Campo d'intervento


Sia lo psicologo che il pedagogista possono lavorare con bambini e adulti, la consulenza pedagogica però non si occupa di soggetti interessati da disturbi psicologici ma di soggetti con una buona salute mentale , prediligendo l'intervento sull'adulto che a sua volta deve educare il bambino o l'adolescente.






Modalità d'intervento


Lo psicologo usa il colloquio per sondare la personalità di chi gli si rivolge, il pedagogista usa il colloquio per fare un'analisi del bisogno educativo e capire le esigenze pratiche della persona con cui si relaziona.


Lo psicologo si occupa del passato, presente e futuro della persona. Il pedagogista si occupa solamente di difficoltà temporanee e presenti ponendosi come un facilitatore di buone pratiche.






Durata

Un percorso di psicoterapia solitamente si occupa di fornire alla persona gli strumenti per conoscere meglio i propri meccanismi psicologici e come questi determinino le proprie scelte di vita, da ciò si deduce che è praticamente impossibile stabilire prima quanto tempo ci vorrà per raggiungere questo obiettivo.


Diversamente dalla psicoterapia, un percorso di consulenza pedagogica invece, si occupa di valutare nello specifico le competenze educative in possesso del genitore per poi eventualmente aiutarlo a modificare i comportamenti che si ritiene possano danneggiare una sana relazione con il figlio.


La consulenza pedagogica aiuta la persona ad aiutarsi in una logica di risoluzione dei problemi che crei autonomia in chi ne usufruisce, per questa ragione di solito è un intervento la cui durata è minore di quella di una psicoterapia.





Riassumendo:




Se questo articolo ti è piaciuto potresti trovare interessante anche questo , qualora invece lo volessi, sei libero di contattarmi per una consulenza:


  • Via telefono/wp al 3406139867

  • Via mail a loccipedagogia@gmail.com

  • Mi trovi anche su facebook e linkedin


Comments


bottom of page